Sette Mari, Un Solo Oceano

Set 8, 2022 | Brunch con VAIA

Foto di Das Sasha su Unsplash

Il minimo movimento è importante per tutta la natura. L’intero oceano è influenzato da un sassolino.

Blaise Pascal

Ciao,

Continua la nostra rubrica sulle notizie positive riguardo innovazione e sostenibilità.

La rubrica di oggi prende forma sull’orizzonte ottico più vasto del nostro pianeta, uno spazio infinito e a tutto collegato, in cui la vita terrestre ha cominciato la sua genesi.
In occasione dell’imminente Giornata Mondiale degli Oceani, che ogni anno si tiene l’8 Giugno (l’Anniversario della Conferenza Mondiale su Ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro), vogliamo parlarvi di tutti gli aggiornamenti che riguardano il mare.

Di seguito, il consueto indice di notizie che abbiamo deciso di amplificare:

  1. BEYOND VAIA
    Uno sguardo al Futuro
  2. GREEN SCREEN
    Cose da un altro mondo
  3. SUSTAINABLE TIPS
    Il Cambiamento a piccoli passi
  4. INSPECT YOUR GADGET
    La Natura dell’Innovazione
  5. ART in Earth
    Dentro la Bellezza
  6. VAIA MUSIC
    Il suono della Resilienza
  7. VAIA News
    Tutte le novità dal mondo VAIA
  8. (Y)OUR     VOICE
    La parola dei Vaier
  1. BEYOND VAIA – Uno sguardo al Futuro
    Un breve dossier sulle principali notizie di cronaca e politiche ambientali.

Secondo i dati del Global Monitoring Laboratory di NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) lo scorso 17 maggio si è toccato un record di concentrazione di CO2 in atmosfera pari a oltre 420 parti per milione. 

Il biossido di carbonio è il primo gas serra sul pianeta, per questo l’aumento sproporzionato di questo gas in atmosfera porta a una ridotta capacità del pianeta di liberare energia termica nello spazio.

Un record mai visto in precedenza ma che non ci lascia sorpresi considerando i trend crescenti di questi dati. 

L’Oceano detiene, tra le sue innumerevoli capacità, quella di termoregolare il clima della Terra. L’acqua dell’Oceano infatti è in grado di assorbire e accumulare molta più energia termica rispetto a quanto ne sia capace l’aria.

Il problema sorge quando la temperatura diventa troppo alta senza poter essere raffreddata, poiché le conseguenze toccano tutta la sfera climatica. Oltre a sconvolgere gli equilibri degli ecosistemi e della vita marina, crea una sorta di effetto pentola a pressione che si risolve in un aumento dei fenomeni atmosferici estremi. La stessa NOAA prevede una stagione degli uragani sopra la media.
C’è da considerare poi l’inquinamento, la pesca industriale e le altre attività antropiche che tutti i giorni si ripercuotono sui mari.

L’Oceano è un soggetto cruciale all’interno della risoluzione del surriscaldamento globale, di conseguenza la sua tutela è tra le azioni primarie da perseguire per attenuare le conseguenze della crisi.
Per questa ragione le Nazioni Unite hanno indetto il Decennio del Mare (Decade of Ocean Science for Sustainable Development 2021 -2030), un’iniziativa volta a mobilitare e sensibilizzare governi, settore pubblico, società civile e comunità scientifica, per creare cooperazione internazionale intorno all’obiettivo di mettere in pratica efficacemente la tutela degli Oceani.

In questo ambito è nato Oceathon, il primo hackathon digitale, “rivolto a giovani talenti che vogliono confrontarsi e trovare soluzioni innovative sulle sfide legate al Decennio del Mare.”

Di seguito troverai la piattaforma in cui avere accesso agli eventi, ai materiali, progetti e toolkit per prendere parte al movimento:
https://decenniodelmare.it/rete-del-decennio/

In ambito del Green Deal, l’Unione Europea mette in atto il «Synergy Info Pack», pubblicato da CORDIS, un pacchetto di 34 progetti di ricerca finanziati per sostenere l’elaborazione di soluzioni innovative e di tecniche necessarie per garantire il ripristino degli ecosistemi acquatici, su cui si fonda il benessere economico e sociale dell’Europa. Il vecchio continente conta più di 68 mila chilometri di linea costiera e per questa ragione è fondamentale che si trasformi in un’economia sostenibile, resiliente e climaticamente neutrale.

Segnaliamo anche il Webinar promosso da CTS Ambiente Marino e Costiero del CNBA (Coordinamento Nazionale dei Biologi Ambientali) che celebra la giornata Mondiale degli Oceani parlando di Mediterraneo, con esperti italiani che operano nel settore attraverso Enti di Ricerca e Università. Per info e dettagli clicca il link seguente: https://www.onb.it/2022/05/23/giornata-mondiale-degli-oceani-l8-giugno-2022-webinar-del-cts-ambiente-marino-e-costiero-del-cnba/

  1. GREEN SCREEN – Cose da un altro mondo

Continua a leggere per scoprire curiosità e soluzioni innovative dal mondo green

Il ruolo dell’azione di ciascuno di noi per tutelare la salute dei corpi idrici non è affatto da sottovalutare. Ogni gesto, anche all’interno della propria sfera domestica, porta con sé una serie di ripercussioni ambientali. 

Sebbene il detto voglia che chi fa da sé sappia fare per tre, è anche vero che l’unione fa sempre la forza.

Dalla fiducia nel valore dell’azione collettiva nasce Sea Legacy, un’organizzazione no-profit con sede a New York, che raccoglie molte attività, tutte bellissime e tutte volte alla difesa del mare delle coste e dei suoi abitanti, tenendo ben presente che la speranza è una forma di arricchimento e in ultimo una soluzione a tutti gli effetti.
L’organizzazione raccoglie una comunità di persone che desiderano unirsi al cambiamento, donando la propria quota mensilmente per sostenere i progetti di tutela ambientale.
Di seguito il link alla pagina ufficiale:
https://www.sealegacy.org/

Gli stati febbrili sono un sintomo allarmante di malattia e infiammazione; quando a soffrire di squilibri di temperatura significativi è l’intero pianeta, le conseguenze si ripercuotono sulla salute di tutta la biosfera che lo abita.
Nelle giornate 29, 30 e 31 maggio a Sansepolcro (AR) si svolgerà il congresso dell’ISDE (International Society of Doctors for Environment, Società dei Medici per l’Ambiente) che tratterà proprio di cambiamenti climatici nell’attuale instabilità internazionale, e del nuovo paradigma One Health, inteso come benessere generale dell’essere umano.

Di seguito il link con maggiori informazioni:

Congresso Nazionale ISDE Medici per l’Ambiente: i medici al lavoro per l’ambiente e la salute

  1. SUSTAINABLE TIPS – Il Cambiamento a piccoli passi
    Un consiglio di sostenibilità in formato tascabile.

La stagione estiva si avvicina e con lei la voglia di viaggiare e rivedere il mare.

I prossimi consigli sostenibili avranno come leitmotiv la responsabilità che ognuno ha verso l’ambiente come parte integrante della scoperta in un viaggio, entrando a diretto contatto con un ecosistema.

In ottica di tutela dei corpi idrici e delle acque oceaniche, oggi vogliamo parlarvi di un argomento che può sembrare di poco conto ma che è realmente molto importante, specie in un Paese circondato da coste come l’Italia, le quali con la stagione balneare alle porte subiranno un certo affollamento della maggior parte dei litorali.

Parliamo oggi dell’impatto delle creme solari sugli ecosistemi marini.

Si stima che ogni anno 20mila tonnellate di filtri solari (settembre 2021, World Sustainability Organization – Wso) finiscano negli Oceani.

Nel corso del tempo si è cominciato a percepire come queste sostanze abbiano effetti devastanti sulla vita acquatica. 

Uno studio sull’ossibenzone, un filtro chimico a base di carbonio, dimostra gli effetti che troviamo su alcune specie acquatiche, tra i quali effetti riscontriamo: squilibri al sistema endocrino, malformazioni alla nascita, turbe agli apparati riproduttivi e generali problemi agli organi.

Il sovraffollamento dei litorali durante il periodo estivo ci riporta alla riflessione su una nuova sfaccettatura della responsabilità che ognuno ha verso l’ambiente quando ci si avvicina ad uno spazio acquatico.

Molte delle sostanze contenute nei solari infatti hanno effetti devastanti sulla vita acquatica e non sono ecocompatibili. Senza dover scendere a compromessi tra salute della pelle e del mare, esistono prodotti formulati per coniugare la cura del corpo e dell’ambiente.

  1. INSPECT YOUR GADGET – La Natura dell’Innovazione

I solari si possono dividere colloquialmente in: solari a filtro fisico (con formule minerali che schermano a livello “fisico” i raggi UV-); solari a filtro chimico (che agiscono attraverso sostanze in grado di assorbire le radiazioni ultraviolette senza che arrivino alla pelle). 

Tipicamente i secondi sono quelli che interferiscono con la vita acquatica.

Per evitare di contribuire alla portata del problema bisogna scegliere solari che siano Ocean and Reef Friendly (lett. amici di oceani e coste) con formule resistenti all’acqua, di modo che le sostanze non vengano assorbite dalle creature marine, depositandosi sui fondali, in alternativa.

Quando acquisti una crema solare assicurati che una di queste sostanze non sia presente nella sua formula INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients):

  • oxybenzone
  • octinoxate
  • biossido di titanio
  • petrolati
  • oli minerali

Queste sostanze sono tra i principali interferenti con l’ecosistema marino e non sono biodegradabili.

Da preferire solari che siano certificati o che riportino in etichetta: 

  • Ocean and Reef friendly (lett. amici di oceani e coste) e resistenti all’acqua

Di seguito trovate una lista di brand che hanno scelto di sviluppare prodotti nel rispetto della pelle e del Mare:

  1. ART in Earth – Dentro la Bellezza

Spazio dedicato all’Arte come risorsa piena di vitalità, creativa espressione dell’ingegno umano.

Alle porte di questo Decennio del Mare, la sensibilità verso il polmone del pianeta Terra è sempre più alta e questa attenzione si percepisce specialmente attraverso espressioni culturali e artistiche. 

Ad esempio, al Meet di Milano si è tenuta dal 9 al 27 febbraio “Enter the Plastoscene di Tamiko Thiel, un’opera che attraverso una nuova esperienza immersiva multicanale si pone l’obiettivo di coinvolgere il pubblico nel tema molto allarmante dei rifiuti plastici dell’oceano.

All’Arsenale di Venezia ha preso vita dal 28 Marzo al 3 Aprile Ocean&Climate Village la mostra itinerante della Commissione Oceanografica Intergovernativa di UNESCO (IOC-UNESCO) su oceano e clima, “la prima mostra interattiva ed educativa dedicata a oceano e clima”; anch’essa è stato pensata nell’ambito del Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile con l’obiettivo di approfondire lo studio del legame tra clima e benessere oceanico attraverso un approccio altamente divulgativo.

Il collettivo di artisti coreani raccolti intorno all’associazione ARCOI ha presentato dall’8 Aprile al 13 Maggio scorsi, presso l’Istituto Culturale Coreano a Roma la mostra Gocce nell’Oceano, che ha visto unirsi artisti impegnati in diverse discipline.
Il titolo della mostra si riferisce a una citazione del film “Cloud Atlas”:
Haskell Moore: “… Qualunque azione compiate non ammonterà mai a qualcosa di più di una singola goccia in un oceano sconfinato!
Adam Ewing: “Ma cos’è l’oceano, se non una moltitudine di gocce?

Tra le esposizioni ancora in corso troviamo la proposta dell’Istituto Oceanografico del Principato di Monaco. Il Museo organizza un percorso interattivo di totale immersione alla scoperta della dimensione polare e dei suoi abitanti per capire fino in fondo tutti i delicati meccanismi alla base dell’equilibrio del nostro pianeta, che si regola proprio in quelle terre, sconfinate e brillanti come un immenso gioiello, che noi abbiamo il compito di difendere.
https://musee.oceano.org/it/esposizioni/mission-polaire-la-mostra-immersione/

  1. VAIA MUSIC – Il suono della Rinascita

Ciò che c’è di più vicino a VAIA, la musica: la forma più pura dell’espressione artistica.

Surfin’ USA – The Beach Boys
https://open.spotify.com/track/2EPr9Wx7e1cpGEbNAtuN7x?si=8714a13a279d4263

Seaside – The Kooks
https://open.spotify.com/track/6ZygaqgtPkiahkiYJhYWhn?si=d58fb154810d4133

Che il Mediterraneo Sia – Eugenio Bennato
https://open.spotify.com/track/7MPOPmb2GcInulIlgqB6Hy?si=42ea350f811a467c

  1. VAIA News – Tutte le novità dal mondo VAIA

Aggiornamenti sulle nostre attività: Collaborazioni, Eventi Articoli, Iniziative

Dal 18 al 21 Maggio scorsi VAIA ha visto la sua partecipazione a Klima House, il celebre evento organizzato da FieraMesse di Bolzano, che ogni anno riunisce 36 mila visitatori intorno alle novità relative al mondo dell’edilizia sostenibile e del design edile.

Per approfondire la sfera semantica del design innovativo anche quest’anno ci troverete al Fuorisalone, spin-off del Salone Internazionale del Mobile di Milano, ed evento principe per creare un confronto tra aziende, organizzazioni, professionisti e curiosi. 

Come di consueto le iniziative sono divise per padiglioni e sedi costellate per tutta la città di Milano.
Il Fuorisalone andrà dal 7 al 12 Giugno 2022.

VAIA intratterrà un dialogo con gli studenti dell’Accademia di Brera per parlare di spazi – intesi come dimensioni di esistenza, cioè di interazione tra ambiente e individui – che mutano; durante quelle giornate condivideremo sui social tutti gli aggiornamenti. La partecipazione in presenza è libera e aperta a tutti gli interessati.

  1. (Y)OUR VOICE – La parola dei Vaier

Non è un caso che gli oggetti creati da VAIA abbiano come fulcro semantico il principio di amplificare; poiché sono pensati per dare risalto a tutti i sensi.

In VAIA il nostro obiettivo è costituire una piattaforma di amplificazione di idee, visioni, desideri e opinioni.

Per questo ci piacerebbe sapere cosa vorresti trovare nelle prossime rubriche, come potremmo contribuire a soddisfare la tua curiosità dal mondo green, e cosa tu ritieni che si meriti di essere amplificato, per costruirne uno più vivibile.

Intanto, ti ringraziamo di aver partecipato a questo Brunch sostenibile, e ti auguriamo buon fine settimana.A presto!
Silvia

Rimani aggiornato

Entra nella community di VAIA

Privacy Policy

You have Successfully Subscribed!